Agevolazioni riservate alle imprese per progetti di ricerca industriale e sviluppo sperimentale

 

La Campania promuove percorsi di innovazione per accrescere la competitività delle aziende. In questa logica, il 3 maggio scorso, la Regione ha sottoscritto un Accordo Quadro con il Ministero dello Sviluppo Economico (DGR n.203 del 28 aprile 2022) per cofinanziare  i progetti di ricerca e sviluppo che le imprese campane potranno presentare nell’ambito dello strumento agevolativo degli  “Accordi di Innovazione” così come rimodulato dal DM  31 dicembre 2021 .

Per l’attuazione dell’Accordo Quadro sono stati stanziati complessivamente oltre 5 milioni di Euro di cui 3.500.000 messi a disposizione dal Mise a valere sulle risorse del PNRR  e 1.750.00 Euro dalla Regione Campania con  risorse residue  del Programma Jeremie -  POR FESR 2007-2013.

L'Accordo Quadro mette a disposizione risorse aggiuntive rispetto alla dotazione finanziaria già prevista per il territorio nazionale dal D.M. 31/12/21 . Più precisamente le risorse rese disponibili dall'Accordo Quadro saranno utilizzate solo successivamente all' esaurimento della dotazione finanziaria prevista per il territorio nazionale.

Potranno essere finanziate, in base alle politiche di sviluppo individuate dalla Regione Campania e nel rispetto del DM 31/12/2021 , solo le iniziative interamente ricadenti nel territorio regionale, che risultino coerenti con le seguenti aree di intervento, riconducibili al secondo Pilastro del Programma “Orizzonte Europa”: a) Tecnologie di fabbricazione; b) Tecnologie digitali fondamentali, comprese le tecnologie quantistiche; c)Tecnologie abilitanti emergenti; d) Materiali avanzati; e)Intelligenza artificiale e robotica; f) Industrie circolari; g) Industria pulita a basse emissioni di carbonio; h) Malattie rare e non trasmissibili; i) Malattie infettive ,comprese le malattie trascurate e legate alla povertà; l) Strumenti, tecnologie e soluzioni digitali per la salute e l’assistenza, compresa la medicina personalizzata; m)Impianti industriali nella transizione energetica; n) Competitività industriale nel settore dei trasporti; o) Mobilità e trasporti puliti, sicuri e accessibili; p) Mobilità intelligente; q)Stoccaggio dell’energia; r) Sistemi alimentari; s) Sistemi di bioinnovazione nella bioeconomia dell’Unione; t) Sistemi circolari.

A partire dalle ore 10.00 del giorno 11 maggio 2022 si aprirà un primo sportello per il finanziamento degli “Accordi di Innovazione”. Le imprese campane potranno presentare, anche in forma congiunta, le domande di agevolazione per progetti riguardanti attività di ricerca industriale e di sviluppo sperimentale d’importo superiore a 5 milioni di euro. La  durata del progetto  non potrà essere superiore a 36 mesi ed il piano dovrà essere avviato successivamente alla presentazione della domanda di agevolazione al Ministero dello Sviluppo Economico. I termini e le modalità  per l’accesso al finanziamento sono stabilite  dal Decreto Direttoriale del MISE del 18 marzo 2022 e le istanze saranno ammesse alla fase istruttoria, nel rispetto dell’ordine cronologico giornaliero di presentazione.

Per approfondire: