Rimborso per la partecipazione alle fiere internazionali presenti nel calendario fieristico nazionale

 

L’art.25 bis della L. n.91/22 (legge di conversione del DL “Aiuti”) ha stanziato 34 milioni di euro per il bonus fiere, l’agevolazione rivolta alle imprese che partecipano alle fiere internazionali di settore organizzate in Italia.

Il bonus fiere consiste in un rimborso pari al 50% per un massimo di 10 mila euro ad azienda finalizzati alla copertura delle spese e degli investimenti per la partecipazione alle fiere internazionali.

Per avere diritto all’agevolazione, è necessario innanzitutto che le fiere:

  • rientrino nel calendario fieristico approvato dalla Conferenza delle Regioni e delle Provincie autonome;
  • si svolgano dalla data dall’entrata in vigore della legge di conversione del decreto Aiuti (16 luglio 2022) fino al 31 dicembre 2022.

Il bonus può essere richiesto per tutte le manifestazioni che dovranno svolgersi entro il mese di dicembre 2022, ma la domanda potrà essere presentata solo fino a novembre. L’erogazione del bonus, invece, sarà effettuata entro il 31 dicembre 2022.

La domanda per il bonus può essere presentata una sola volta. Gli aiuti saranno concessi in base al regime “de minimis”, pertanto, non potranno accedere all’incentivo le imprese che hanno già superato il plafond di 200mila euro su base triennale.

La domanda per ottenere il bonus fiere deve essere presentata per via telematica, utilizzando l’apposita piattaforma predisposta dal MISE che provvederà, entro 30 giorni, a  rendere noto con apposito Decreto Direttoriale,  il soggetto attuatore e la data di apertura dello sportello.

 

Per approfondire

Calendario manifestazioni fieristiche - Regioni.it