Apertura sportello 15 novembre ore 10:00

A partire dalle ore 10.00 del 15 novembre 2022 le imprese insediate sul territorio nazionale, appartenenti ad un distretto conciario, potranno richiedere contributi a fondo perduto per la realizzazione di progetti d'investimento legati all'innovazione dei prodotti e dei modelli produttivi anche in un'ottica di ecosostenibilità ed economia circolare.

Si tratta di una misura introdotta dal Decreto Sostegni bis che ha istituito un Fondo con una dotazione di 10 milioni per il 2021, per sostenere l'industria conciaria, gravemente danneggiata dall'emergenza COVID-19 ( Fondo disciplinato con Decreto Interministeriale 30 dicembre 2021).

In particolare, sono ammissibili alle agevolazioni le spese complessivamente non inferiori a 50mila euro e non superiori 200mila euro, per la realizzazione di programmi di investimento ad elevato contenuto di innovazione e sostenibilità, incluse le attività di ricerca industriale o sviluppo sperimentale. La soglia massima delle spese ammissibili si innalza invece a 500mila euro per progetti integrati di distretto che presentino determinate caratteristiche.

Ai fini dell’accesso alle agevolazioni le imprese beneficiarie, aventi le caratteristiche richieste devono svolgere presso la sede oggetto della domanda di agevolazione l’attività economica, come risultante dal codice di attività comunicato al Registro delle imprese, di “preparazione e concia del cuoio e pelle” di cui al codice ATECO 15.11.00.

Il MISE con decreto Direttoriale del 6 settembre 2022 ha reso noti termini e modalità della misura agevolativa la cui gestione è stata affidata ad INVITALIA.

Al fine di facilitare la presentazione delle domande le imprese potranno avviare la precompilazione della modulistica già a partire dalle ore 10.00 dell'8 novembre sul sito www.invitalia.it - sezione “Fondo a sostegno dell’industria conciaria”.

Decreto Interministeriale 30 /12/21;

Decreto Direttoriale MISE del 6/09/22.